Cammino solo nella notte,
una persona d'ombra
composta da molte scintille luminose,
nel silenzio nero
vagamente illuminato dalla luna.

Non un suono. Solo profumo e splendore
che si gonfiano e si allargano,
lucenti come il desiderio.

I canali si disperdono nell'infinito
collegati da vecchi ponti di legno nero;
sul fondo nero del cielo
i ricordi vanno con passo leggero, come di danza.

Qualcuno canta una canzone
e vi scompare.

Mi portano via le luci dell'anima,
come una figura del sogno che si dilegua
schiacciata dalla notte.